Vera

Roma, 8 spazi, 54 studi

Il libro VERA, curato da Damiana Leoni ed edito da Quodlibet, è il racconto fotografico dell’attuale risveglio di Roma dal punto di vista artistico e culturale.

La genesi del titolo deriva dalla declinazione plurale della parola latina “ver”, che si traduce con “primavere”, scelta che intende sottolineare la stagione di nuova fioritura della scena artistica della città. Negli ultimi due anni, la scena culturale cittadina si è arricchita di realtà artistiche indipendenti, di veri e propri spazi di azione collettiva a metà tra studi e luoghi espositivi. Dall’incontro di artisti, di medium differenti sono nati, nelle aree per lo più periferiche della città, degli spazi di scambio e condivisione lungo un percorso che parte da Spazio in Situ a Tor Bella Monaca, passando per il nascente Post Ex a Centocelle e Off1c1na al Quadraro, attraversando i quartieri di San Lorenzo con gli spazi di Numero Cromatico e /Ombrelloni e di Pietralata con Paese Fortuna, fino ad arrivare a Spazio Mensa nell’ex Cartiera Salaria, adiacente all’Aeroporto dell’Urbe. Un percorso che si chiude con CASTRO, nel cuore di Trastevere.

Gli spazi sono raccontati tramite lo sguardo di quattro fotografi: Eleonora Cerri Pecorella documenta gli spazi collettivi e gli studi d’artista; Salvatore Nuzzi esalta gli artisti con le loro abitudini nei propri studi e nei momenti di creazione e interazione; Marta Scotti guarda ai dettagli e coglie momenti di intimità. Un’altra sezione, curata da Mohamed Keita, è destinata al racconto dei quartieri in cui si trovano gli spazi.

VERA, oltre ad essere il titolo scelto per la mappatura di queste realtà è anche uno sguardo reale e autentico per raccontare Roma.

A cura di

Damiana Leoni

Fotografie di

Eleonora Cerri Pecorella, Mohamed Keita, Salvatore Nuzzi, Marta Scotti

Category
Black Room